Horizon Forbidden West: mostrato il primo gameplay su PS5

Condividi sui social!

Accompagnato da una presentazione di ben 5 ore che aveva lo scopo d’introdurci ad alcune location che visiteremo nel gioco, è stata presentata la nuova epopea creata da Guerrilla Games con una sessione di gameplay di ben 14 minuti!
Horizon Forbidden West, sequel di Zero Dawn, continuerà le avventure di Aloy in un mondo dominato dalle macchine. Purtroppo al momento non ha ricevuto ancora una data d’uscita certa, ma secondo gli ultimi rumor il gioco arriverà entro la fine dell’anno su PS4 e PS5.

Il primo capitolo era arrivato nel mondo videoludico nel 2017, un anno piuttosto particolare perché aveva visto le uscite di tanti altri titoli piuttosto particolari e di eccellente caratura (Nier Automata?).
Il gioco è ambientato in un mondo post-apocalittico popolato da vari animali robotici, mentre l’umanità è regredita ad una società fatta di varie tribù che si dividono ciò che resta della Terra. Il cataclisma che ha portato agli eventi del gioco, come si può intuire, è stato causato dalla razza umana e nel corso del gioco scopriremo cos’è accaduto realmente.
Nonostante lo scetticismo iniziale, soprattutto perché era la prima volta che la casa di sviluppo si allontanava dal suo passato fatto di sparatorie in Killzone, il titolo ha poi conquistato critica e utenti. Col passare degli anni è anche approdato nel mondo PC, seguendo la nuova politica di PlayStation che vede espandersi al di fuori della semplice console.


Screenshot realizzato da Vik

Uno degli aspetti che più ho apprezzato del gioco originale era la particolare attenzione alla crescita del personaggio e di come lei era legata a doppio filo alla lore di gioco. Ogni scoperta non era un semplice achievement da completare, ma un tassello d’aggiungere alla caratterizzazione di chi sia Aloy e cosa lei rappresenta nel mondo di gioco. Non vi sto a spiegare i dettagli di come questo intreccio è portato avanti nel gioco, ma vi consiglio vivamente di recuperare il gioco prima dell’uscita del sequel.

Nelle piccole scene d’intermezzo la trama principale del gioco ci ricorda, ancora una volta, come il mondo sia sull’orlo del baratro a causa di alcune tempeste causate dalle macchine e solo la nostra eroina può salvarlo. Non fa mai male poter scrivere di una donna che si prende il centro dell’attenzione in un prodotto così importante, anche se piuttosto cliché a livello narrativo.

GIF

 

Nel gameplay in basso si possono vedere tante novità: nuovi tipologie di nemici, nuove possibilità di movimento e soprattutto una nuova voglia di esplorare quello che resta del mondo a distanza di un millennio. Inoltre viene presentata l’area di San Francisco, decisamente diversa da quella di oggi. Sembra che il titolo si muoverà fino all’estremo ovest, vedremo anche L.A. o magari Edge Knot City?
Infine in questo titolo sarà anche interessante vedere l’evoluzione del motore grafico Decima. Già usato per il capitolo precedente ed in Death Stranding, ora potremo vederlo in un titolo cross-gen.

La mia speranza è che il gioco possa avere qualche opzione grafica in più, anche una modalità a 60 fps magari. Miles Morales, del resto, ha mostrato come tutto ciò sia possibile con la dovuta ottimizzazione su PlayStation 5.

Insomma pronti a rivestire i panni di Aloy e combattere macchine con arco e frecce?

Potrebbero Interessarti

Leave a Comment