Classifica: 10 migliori cortometraggi dei Looney Tunes

Il Re:Watch di Space Jam mi ha fatto venire voglia di riprendere anche i vecchi corti classici, così ecco una mia personale classifica dei 10 migliori lavori della serie Looney Tunes e Merrie Melodies. 10) “Ali Baba Bunny” – Chuck Jones, 1957 Il trionfo di Daffy come personaggio cupido e avaro. Lui e Bugs sbucano dentro una caverna nel mezzo del deserto dove un facoltoso sultano ha nascosto tutta la sua ricchezza. C’è oro in abbondanza per entrambi, ma il papero lo vuole tutto per sé, fino al punto di diventare paranoico…

Continua a leggere

Oasis Knebworth 1996: una cartolina rock dagli anni novanta

“This is history. This is history. Right here. Right now. This is history!” Queste le parole con cui Noel Gallagher, leader e chitarrista degli Oasis, esordisce sul palco davanti la folla entusiasta di 250.000 persone accorse a Knebworth Park in occasione delle due serate del 10 e 11 agosto 1996. Ve lo avevamo anticipato qualche mese fa. Oasis Knebworth 1996 è finalmente arrivato nei cinema italiani nella tre giorni del 27, 28 e 29 settembre 2021. Una fotografia fantastica di un’era che non c’è più, l’aveva definita lo stesso Noel,…

Continua a leggere

Re:Watch – Space Jam: bello come lo ricordiamo?

Riaprono le sale cinematografiche – si spera definitivamente – e con loro ritornano anche reboot, sequel e tutte quelle operazioni nostalgia a cui tanto ci eravamo abituati nel periodo pre-lockdown. Tra queste non poteva certo mancare Space Jam 2, noto anche come Space Jam: A New Legacy, e in Italia, vai a capire perché, Space Jam: New Legends. Film di cui in realtà si parlava già da parecchi anni, subito dopo il successo dell’originale, uscito nel 1996 ed entrato nell’immaginario collettivo grazie al mito di Michael Jordan, la consueta stravaganza dei Looney Tunes…

Continua a leggere

Metallica: 30 anni per il Black Album

Nelle ultime settimane è caduto il trentesimo anniversario del disco più famoso (e discusso) dei Metallica. L’album che ebbe il merito di spalancare le porte dell’heavy metal al grande pubblico. Un lavoro che cambiò per sempre la storia della musica e della band californiana. Stiamo ovviamente parlando di Metallica, meglio noto come The Black Album, per via della copertina interamente scura dove a malapena si riconoscono il logo del gruppo e un serpente a sonagli simile a quello della bandiera di Gadsden, simbolo della guerra d’indipendenza americana. Nel 1991 i Metallica, nomen…

Continua a leggere

Trash Time – The Room: storia di un capolavoro involontario

Eccoci con una nuova rubrica, che spero gradirete (perlomeno, se non siete troppo deboli di stomaco): Trash Time! Ovvero, l’analisi dei più “belli” film brutti mai realizzati. Opere talmente orrende da trascendere il concetto stesso di orrido per trasformarsi in capolavori involontari della comicità. Flop che diventano mito. E si parte con un pezzo da novanta: The Room, opera prima di Tommy Wiseau, anno (poco) di grazia 2003. Innanzitutto: chi è Tommy Wiseau? Nessuno con precisione lo sa. Le informazioni sul web sono poche. Probabili sono le sue origini dell’est Europa –…

Continua a leggere

XXX: i Negrita, gli Stones e l’America

Continua il nostro viaggio nella galassia del rock italiano. Dopo avervi già parlato dei Timoria, oggi tocca a un altro gruppo di successo, sempre degli anni novanta: i Negrita. Già dal nome, derivato da un brano dei Rolling Stones contenuto nell’album Black and Blue (1976) non è difficile intuire le coordinate musicali entro le quali si muovono i nostri, ovvero del robusto rock and roll condito di sfumature blues. Dopo un ottimo esordio, con l’omonimo Negrita del 1994, seguito l’anno dopo da un mini-album interlocutorio, Paradisi per illusi, il gruppo decide di dare…

Continua a leggere