Attack on Titan No Requiem – Intervista all’autrice K-Lionheart [ITA/ENG]

Condividi sui social!

Attack on Titan No Requiem è un doujinshi fan made che si pone lo scopo di fornire un finale alternativo al manga di Hajime Isayama, terminato lo scorso Aprile.
Dietro questo progetto ci sono almeno 30 persone, ognuna delle quali ha background culturale differente e vive in diverse parti del mondo. Nonostante le dure critiche online, alcune sfociate anche in messaggi davvero estremi, il team non si è fermato davanti a nulla ed ha continuato il suo lavoro. Il manga viene distribuito gratuitamente sul loro sito ufficiale e va avanti grazie all’interessamento dei vari lettori. A partire da Maggio, il manga si è diffuso in quasi ogni angolo del globo. Questa enorme popolarità tra i lettori ha spinto il team a fare affidamento a diversi traduttori/adattatori per fornirlo in diverse lingue.
Ho avuto il piacere e la fortuna di parlare con un adattatore che si occupa della versione italiana, il quale ci ha dato l’opportunità di organizzare questa intervista con una delle autrici del progetto K-Lionheart.
Prima di lasciarvi all’intervista, vi ricordiamo che sul nostro sito trovate le nostre analisi delle prime due parti di questo manga. Se siete interessati a continuare la discussione su questo manga o supportare il sito, seguiteci su Twitch dove siamo attivi tutti i giorni.
Infine, questo articolo verrà offerto anche in lingua inglese nella sua ultima parte in modo che tutti possano leggerlo.

D: Potresti dirci com’è nato il progetto?
R: All’inizio tutto è cominciato quando io (K-Lionheart) ho letto l’ultimo capitolo del manga originale ed ero molto frustata dal finale che è stato rilasciato. La maggior parte delle persone avrebbe semplicemente lasciato perdere la questione per dedicarsi ad altro, ma io non ne potevo davvero più di tutte queste belle serie che si concludevano con finali ambigui, senza dare risposte soddisfacenti a diverse domande o punti della trama che erano stati introdotti. Io speravo che L’Attacco dei Giganti potesse essere la serie adatta per smentire questo trend. Molte persone non sono d’accordo con me e va benissimo, non mi aspetto che la mia opinione sia universale del resto; eppure quando ho annunciato che avrei creato un finale alternativo su Twitter sono stata sommersa dai messaggi positivi degli utenti pronti ad aiutarmi per realizzarlo. Così ho deciso di provarci ed il resto è storia ormai.

D: Avete degli specifici obiettivi narrativi che volete raggiungere con questo progetto?
R: Si. Tutto il team ha discusso a lungo su quali siano i temi ed i punti specifici nella caratterizzazione dei personaggi che, secondo noi, sono stati trascurati od omessi nel finale originale. Molti di noi sono venuti a conoscenza del video musicale di Akatsuki no Requiem uscito nel 2018 e di tutta la teoria che è diventata tra le più quotate tra i fan, generando poi tante discussioni sul finale della storia (e anticipandolo in alcuni aspetti). Dato che questa teoria è diventata così popolare ed ha portato alla luce così tante analisi dai vari fan che la seguono, abbiamo deciso di adattarla nel nostro finale alternativo.

D: Molte persone non hanno apprezzato alcuni vostri messaggi sui social. Cosa volete dire a queste persone?
R: A molte persone piace concentrarsi su dei tweet che io o alcuni membri del nostro team abbiamo pubblicato quando il manga originale era finito da pochi giorni. Molti di noi non stavano attraversando un bel momento a livello mentale e questa è la causa di quelle opinioni così negative. Il tweet che la gente usa di più per criticarmi è uno in cui non parlo affatto del finale del manga, ma nello specifico di un dettaglio pubblicato nell’Enciclopedia finale della serie. Nel contesto di questo libro viene utilizzato il termine “amore puro” per descrivere il rapporto tra Ymir ed il primo Re Fritz, una scelta quanto mai inadatta se consideriamo il contesto della storia. Sebbene l’amore possa essere stato uno dei tanti fattori, sono rimasta molto delusa che in questo libro sia stata utilizzata solo questa accezione così povera di dettagli. Essendo io stessa una donna con le mie esperienze personali, non sono riuscita a perdonare questa scelta ed ho reagito di conseguenza. Molte persone mi hanno criticata per questo, ma non si rendono conto che tante altre hanno espresso il loro disgusto per la stessa situazione ed in molti casi sono andati ben oltre rispetto a quanto scritto da me, che era per sfogare la mia frustrazione. Per questo motivo, molte persone pensano che quella sia la mia opinione completa su Isayama, quando in realtà non è così. L’ho già detto online assieme agli altri membri del team molte volte, in questo modo le persone possono capire le nostre vere intenzioni ed i nostri sentimenti sulla serie e l’autore. Abbiamo cercato di puntare sulla positività e abbiamo ascoltato le critiche, facendo anche alcuni cambiamenti. Io stessa ho espresso molte volte il mio rispetto e apprezzamento all’autore in altre interviste, condannando anche chi decide d’inviare minacce di morte o molestie all’autore o altre persone; se andate a vedere la nostra nota autoriale alla fine della Parte 1, abbiamo specificato chiaramente che questo progetto è una fanfiction, un doujin, e lo sappiamo che il nostro lavoro non andrà a cambiare il canone originale. Tutto questo progetto è fatto per divertimento e per quei fan che volevano vedere questo tipo di finale, ma che non hanno mai ricevuto. Il nostro obiettivo è solo di divertirci e goderci un finale diverso dalla prospettiva dei fan. Che voi ci crediate o meno…beh se non ci credete ora quando vogliamo far sapere le nostre intenzioni, allora non c’è nient’altro da dire.

D: Quanto è importante il feedback degli utenti in questo manga?
R: Molto importante! Il nostro team è sempre alla ricerca di feedback, positivo o negativo che sia, e cerchiamo sempre di rispondere ad eventuali buchi di trama o critiche genuine, in questo modo possiamo rendere più soddisfacenti le release del manga per tutti quelli che hanno ancora dei dubbi o problemi con questa nostra versione. Ad ogni modo, vogliamo chiarire che stiamo riadattando solo le vicende degli ultimi tre capitoli del manga originale, ergo non possiamo fare molto dato che dobbiamo rimanere fedeli a quest’ultimo. In generale dobbiamo decidere cosa possiamo trascurare e cosa no, quindi sappiamo fin da subito che il nostro finale non sarà perfetto. La bella notizia, però, è che oltre al nostro ci sono in lavorazione altri progetti che vogliono dare un finale fan-made a L’Attacco dei Giganti! (Operation Usurper, Ouroboros, Cost of Freedom, ecc.) Se per qualsiasi motivo non siete soddisfatti o non vi piace la nostra versione, ma volete vedere altre opzioni per il finale… beh vi basta seguire uno di questi progetti! Oppure potete sempre crearne uno tutto vostro no? 😉

D: Secondo diverse persone i problemi narrativi del manga originale cominciano molto prima del capitolo 137. Siete di questa opinione? Se sì: perché avete scelto di riscrivere solamente gli ultimi capitoli?
R: Assolutamente. Non esiste la storia perfetta e finché ci saranno persone che avranno opinioni e prospettive differenti non ci sarà mai una storia apprezzata da chiunque. In alcune occasioni avremmo voluto cominciare questo finale riadattando tutto dall’inizio dell’arco narrativo dedicato al Boato della Terra, ma alla fine abbiamo deciso di riadattare solo gli ultimi 3 capitoli perché la storia può comunque “muoversi” verso il nostro finale ed inoltre abbiamo evitato di dare troppo lavoro a tutto il team. Questo nostro lavoro è senza scopo di lucro, dopotutto, e nonostante il nostro team ami lavorare al progetto, nessuno di noi è in grado di dedicare anni della nostra vita dietro un lavoro simile. Inoltre alcuni di noi si stanno spostando verso altri progetti, facendo carriera o semplicemente in altri fandom. Questa è la nostra lettera di addio al franchise e vogliamo realizzarla in un lasso di tempo giusto per tutto il team.

D: Ci saranno altre teorie dei fan che andrete ad utilizzare nella vostra storia? La teoria della Lampada e della Mela era molto interessante!
R: Abbiamo esaminato altre teorie e siamo sempre alla ricerca di idee interessanti per lo sviluppo dei personaggi! Nel caso dovessimo trovare qualcosa che ci piace ed è in linea con la nostra storia, cercheremo di utilizzarla e accreditarla sul nostro sito come abbiamo già fatto.

D: Ci sono molte persone che contribuiscono dietro questo progetto. É difficile organizzare e gestire il tutto?
R: Non necessariamente! Io ad esempio faccio la manager come lavoro a tempo pieno ed ho ricevuto un eccellente formazione nella leadership e nell’allenamento, questo è il motivo grazie al quale riesco a gestire tutto il team senza intoppi. All’inizio era un po’ imbarazzante capire chi era in grado di prendersi delle responsabilità e chi no, ma questo succede in qualsiasi gruppo di lavoro. Nel nostro team tutti hanno lavorato sodo e hanno accettato i vari incarichi, questa loro disponibilità ha reso possibile questo progetto. Una volta capito come delegare i vari compiti e quali erano le persone più capaci per gestirne altre, ho messo quest’ultime come moderatori e abbiamo continuato a comunicare con fermezza. Abbiamo dei meeting settimanali e anche discussioni giornaliere, io do alcuni incarichi e comunico alcune deadline che i moderatori devono seguire. Il poter avere una comunicazione aggiornata è sempre stato uno dei miei obiettivi più importanti e faccio del mio meglio per non perdermi nulla. Avere questo sistema e la fiducia del team sono stati fondamentali, sarò sempre grata ad ognuno di loro! (Chissà potremmo fare anche qualcosa di più originale una volta finito questo progetto!)

D: Nel caso la pubblicazione di questo manga dovesse continuare a riscuotere successo, avete in mente di fare altri progetti in futuro?
R: Abbiamo buttato giù qualche idea, ma al momento non abbiamo preso delle decisioni. Il nostro obiettivo al momento è quello di completare AoT No Requiem, dopodiché vedremo cosa succederà!

D: Abbiamo saputo degli attacchi personali e delle minacce che hai ricevuto negli ultimi periodi sui social. Ci teniamo ad esprimere solidarietà sia a te che al resto del team e vi auguriamo di non abbattervi!
R: Apprezzo davvero tutto il supporto che ho ricevuto dal mio team e dai fan che apprezzano il nostro progetto. Alla fine siamo tutti umani con i nostri problemi e le nostre vite da portare avanti, per questo motivo la negatività può essere scoraggiante a volte. Soprattutto quando vengono distorte le nostre intenzioni o si danno giudizi sbagliati su informazioni non del tutto corrette, magari create da persone che ci odiano solo perché vogliamo provare a fare qualcosa di diverso. Ad ogni modo, il supporto è stato davvero travolgente ed il poter staccarsi dai social media ha aiutato molto la salute mentale di tutto il team. Vediamo tutto l’amore ed il supporto che ci mandate ed è per questo che dedicheremo i nostri cuori a tutto ciò! Noi continueremo ad avanzare! ❤

Potete leggere il manga sul sito ufficiale del progetto, inoltre vi consigliamo di seguirli sui social!
Un sentito grazie a Manvëru e tutto il team di AoT No Requiem per la disponibilità.

 

by ShiredoraD

Attack on Titan No Requiem is a fan-made doujinshi that aims to provide an alternative ending to Hajime Isayama’s manga, which ended last April.
Behind this project there are at least 30 people, each and everyone of them has a diverse cultural background and lives in different parts of the world. Despite the harsh criticism on the internet, which also resulted in very extreme messages, the team stopped at nothing and continued its work. The manga is distributed for free on their official website and it goes on thanks to the interest of its readers. Since May, the manga has spread to almost every corner of the globe. This huge popularity amongs its readers pushed the team to rely on different translators/adapters to provide the manga in different languages.
I had the pleasure and the good fortune to talk with the adapter that takes care of the Italian version, who gave us the opportunity to organize this interview with one of the authors of this project K-Lionheart.
Before leaving you to the interview, a little reminder that you can read our analysis (in italian!) of the first 2 parts of this manga.
Also if you wanna support our site or talk to us, catch us live on Twitch daily.

Q: Can you tell us how the project started?
A: At the beginning, it started when I (K-Lionheart) read the final chapter and was very frustrated with the ending we received. Most other people would just let it go and move on, but for me, I was hit a point where I had had enough of good series ending in really strange, ambiguous ways that didn’t satisfy a lot of questions and plotpoints that were introduced. I was hoping that AOT would be a series that would disprove that and do that. A lot of people disagree and that’s totally fine and I don’t expect my opinion to be universal, but when I made a tweet announcing that I was going to make an alternate ending, the amount of messages of people wanting to join me to make it happen became really overwhelming. I decided to go for it and well, the rest is history.

Q: Do you have any specific narrative goals for this project?
A: Yes. Something the team heavily discussed where themes and specific character driving points that we felt were either overlooked, or completely unadressed. A lot of us have become aware with the Akatsuki no Requiem music video that came out back in 2018 and the theory that that was foreshadowing the end became pretty popular and drew in a lot of conversations about the ending of the series. We felt that since it’s such a popular theory and that it sparked a lot of interesting meta written by fans in agreement with the theory, we decided to adapt that into the ending.

Q: Many people have criticized some of your posts on social medias. Do you wanna say something to them?
A: A lot of people like to focus on tweets that I and certain members of my team posted when the series had only just ended and within the time that followed. A lot of us were in very negative headspaces and opinions were expressed due to that. The one tweet people love to use against me is one that, once again to clarify, is not about the ending itself but about specific information regarding the guidebook that within the context of the guidebook very inaccurately describes the relationship between Ymir and King Fritz as a bond made in “pure love” when the context of the story shows it being anything but. While love may have been a factor, for the guidebook to dilute it to just that was egregious to me and immensely disappointing. As a woman with my own personal experiences, I could not forgive the kind of wording used and reacted based on that. A lot of people criticize me for that but fail to realize that a lot of people expressed disgust with the same situation and in many cases went further than I did in expressing that frustration. Due to this, a lot of people think that that’s my complete opinion on Isayama when that is not the case and I have spoken out many, many times alongside my team as to our true intentions and our feelings about the series and the author himself. We have pushed for positivity and have listened to criticisms and made adjustments from that point. I have also expressed many times my respect and appreciation to the author in interviews and have condemned the act of sending death threats and harassment to the author and to others; if you see our author’s note at the end of part 1, we make crystal clear that this project is intended to be a fanfiction, a doujin, and we understand our work will do nothing to change the actual canon. This is really just for fun and for other fans who wanted to see this kind of ending but never got it. Our goal really is to just have a good time and enjoy a different ending from the eyes of the fans. Whether or not you believe that… well, if you don’t believe us now when we make our intentions clear and known, then there’s not much else to be said.

Q: How important is the feedback of the readers in this project?
A: Very important! Our team is always looking into feedback, positive or negative, and we always try to address any potential plotholes and genuine criticism that we can utilize to make a final re-release more substantially satisfying to those who have concerns and issues with our take. However, we do want to make it clear we’re only approaching the last three chapters of the manga, so we can only do so much while keeping true to the source material. We have to basically decide what we can afford to overlook and what we can’t, so by all means we know our ending won’t be perfect. But the great news is there are other fanmade ending projects in the works besides ours! (Operation Usurper, Ouroboros, Cost of Freedom, etc.) If you’re unsatisfied by our take for whatever reason and you don’t like our work but still want to see other options for the ending, feel free to follow those projects! Or you can always make your own! 😉

Q: Many people think that the original manga has some issues in the story even before chapter 137. Do you agree? If you do, why did you choose to rewrite only the last 3 chapters?
A: Absolutely. There is no such thing as the perfect story and so long as people have different perspective and opinions there will never be a universally loved story either. We would’ve loved to approach the ending from the start of the Rumbling arc in some cases, but the reality is that we decided to just focus on the last three since the story up until that point can still be taken in the direction we’re looking into and without overworking our team. We are doing all of this for free, after all, and as much as our team loves doing this work, no one is prepared to dedicate years of our life on it when a lot of us are getting ready to move on to other works, projects, series, etc. This is our goodbye love letter and we want to do it in a timeframe that is feasible for the whole team.

Q: Are you going to use any other fan theories for the story? The Lamp and the Apple theory was really interesting!
A: We’ve looked into other theories and are always on the lookout for interesting ideas for character development! If we find something we really like that resonates with us, we’ll try to utilize it and, obviously, credit them in our website.

Q: There are many people working on this project. Is it difficult to organize and handle everything?
A: Not necessarily! I actually work as a manager in my current full time job and I received excellent leadership and coaching training that has been a huge reason why I’m able to manage the team as we do. When we began it was a bit awkward in figuring out who was willing to take on responsibilities and who wasn’t, as with any new team, but everyone worked hard and was willing to accept duties and that willingness made everything possible. When I was able to delegate duties and I determined who were the people most capable of being on top of other managerial responsibilities, I assigned them as mods and we continued our communication firmly. We have weekly meetings and daily discussions, I give out assignments and I also set certain deadlines that my mods follow through on. Updated communication has always been a major focus and I do my best to stay on top of it. Having this system and the trust of the team has been paramount and I will always be forever grateful to this amazing team! (Who knows, maybe we’ll do something original when it’s all said and done!)

Q: If this manga will be successull until the end, are you going to do any other project in the future?
A: We’ve thrown some ideas around but nothing’s set. Our focus is just on getting this one complete, after that, we’ll see!

Q: We’ve heard about the attacks and threats you recently received on social media. I’d like to express solidariety with you and your team and I hope all of this won’t break you down!
A: I really do appreciate all the support I’ve received from both my team and the fans who support the project. At the end of the day, we’re all human and we all have our own concerns and our own lives to live, so sometimes the negativity can be disheartening especially when there are those who skew and make incorrect judgments based on misunderstood information and a predisposition to hate just because we wanted to try something different. Even so, the support has been overwhelming and setting boundaries to disconnect from social media has been very important to the team’s mental health. We see all the love and support and we will dedicate our hearts to all of it! We will keep moving forward! ❤

You can read the manga on the official website of the project, also you should follow them on social media!
A heartfelt thanks to Manvëru and all the team of AoT No Requiem for this hopportunity.

Potrebbero Interessarti

Leave a Comment